Giocare al casino online – Tutti i casinò on line migliori

Gioca e divertirti con i casino online migliori che ci sono in italia. Vinci nei migliori siti legali aams di casinò on line con bonus

Il gioco d’azzardo in sicilia

I SerT da tantissimi anni si occupano di assistere persone e famiglie coinvolte nei disagi delle dipendenze derivanti dall’alcool e dalla droga e negli ultimi tre quattro anni si stanno “incontrando” anche con i giocatori patologici ed i loro disagi. In Sicilia i pazienti giocatori presi in carico dai SerT nel 2012 sono stati 596, nel 2013 sono stati 1049 e si presume che nel 2014 si vedrà un ulteriore aumento. Gli “addetti ai lavori” si sono trovati spiazzati ed a gestire al meglio delle loro capacità professionali questo fenomeno: la formazione specifica è arrivata solo negli ultimi due anni anche se la carenza di personale in Sicilia è “pesante” e le richieste di intervento per le varie dipendenze è invece aumentata.

Certamente, i SerT siciliani non possono fare molto attualmente data la loro strutturazione “latitante” e la cronica carenza di personale: da soli non possono fare di più di quello che già fanno e dovrebbero essere affiancati da altre figure professionali, dal mondo del volontariato con conoscenze specifiche per poter sostenere al meglio le famiglie ed i giocatori, da gruppi psico educazionali. Ci vorrebbe il coinvolgimento di avvocati per gli aspetti legati all’usura (che “troneggia” quando si parla di gioco), di commercialisti per ciò che riguarda i piani di rientro economici che spesso i giocatori devono affrontare, i servizi sociali dei Comuni. Ci vorrebbe un intervento “più forte” dello Stato a livello nazionale per far fronte a questo disagio ed un coinvolgimento particolare anche dei gestori delle sale da gioco e dei centri scommesse.

Il mondo del gioco d’azzardo si confronta

Il mondo del gioco d’azzardo lecito, sia terrestre che online, indubbiamente sta attraversando un periodo di incertezza, curiosità relativamente alle norme che verranno applicate, paura per il prossimo futuro. Sembra che tutto questo stia proprio “compattando” il mondo-gioco e che la filiera si voglia riunire per fare un fronte comune e cercare di “pianificare” ove possibile il proprio domani. Che occasione migliore se non incontrarsi in una Fiera specifica del settore? Enada Primavera cade proprio “a fagiolo” ed il prossimo 18 marzo 2015 a Rimini riunirà presso di sé i rappresentanti più prestigiosi del settore “divertimento”: è un momento importante ed ognuno si deve rendere partecipe in prima persona per trasmettere agli altri le proprie sensazioni e le proprie certezze per unire il tutto e formare un fronte comune.

All’Enada Primavera saranno, quindi, presenti otto concessionari tra cui Gtech, Bplus. G.Matica, Cogetech, Hbg Gaming e Sisal nonché diverse aziende di produzione dei giochi ed anche parecchie aziende del settore dell’amusement. Non mancheranno i momenti di confronto sui temi attuali che stanno mettendo in forte agitazione l’intero settore, ma sopratutto si parlerà diffusamente di un mondo che vuole -ed ha sempre voluto- essere equiparato agli altri settori industriali e, sopratutto, che sostiene a “spada tratta” il gioco responsabile e lecito. Questo è il giusto atteggiamento che il “gioco” deve continuare a mantenere sopratutto per salvaguardarsi dal “ritorno” sul mercato dell’illegalità che sembra “fregarsi le mani” per tutte le incongruenze che in questo momento costellano la strada del mondo del gioco legale.

Come giocare d’azzardo da mobile

Forse i giocatori d’azzardo italiani sono pigri? Forse il tempo disponibile per il divertimento si va ridimensionando? Forse le sale da gioco terrestri non sono più tanto appetibili? I dati e le stime -che in questo settore si sprecano- fanno emergere che esiste un incremento “importante” di presenze sul web, in particolar modo sui vari social network e nel mondo del gioco d’azzardo online. In un’ipotetica classifica delle Regioni che usufruiscono dei servizi proposti dalle piattaforme per il gambling online, al primo posto si trova l’Emilia Romagna, ma gli utenti di questa Regione usufruiscono anche frequentemente dei servizi “normali” proposti dai dispositivi mobili come acquisti e transazioni.

In questa Regione si registra il 7% del volume d’affari complessivo prodotto nel settore del gioco d’azzardo mobile italiano e fa riflettere sul fatto che la stragrande maggioranza degli appassionati al gioco non vuole più sobbarcarsi tantissimi chilometri per raggiungere le nostre quattro importanti Case da Gioco terrestri. Ecco perchè cresce quel segmento di giocatori che preferisce avere a portata di mano il meglio dei casino legali AAMS con il quale collegarsi in qualunque momento ed in qualunque posto si trovi e decida di dedicarsi del “divertimento”. Oggi i casinò online AAMS propongono giochi e scelte accattivanti e, sopratutto, fanno rivivere le stesse sensazioni di un vero casinò. Il settore del gioco d’azzardo online nel nostro Paese è arrivato ad essere uno dei mercati più floridi e molto presto si aggiungeranno altri concessionari AAMS che offriranno sempre più possibilità al “parco giocatori” da mobile.

Si ridisegnano i casino online

Il “ridisegno” del gioco pubblico auspicato nella Legge Delega si ripercuoterà anche sui Casinò? Certamente sì, potrebbe avere uno sviluppo positivo e “partigiano” se veramente dopo la “stangata” del famoso prelievo fiscale voluto dalla Legge di Stabilità si metterà mano al “parco delle slot machine”, ridimensionando l’offerta e convogliandola nelle famose gaming hall. Bisognerà anche capire se e quanto i casinò soffrano della concorrenza delle “macchinette” visto che in tale proposito i nostri quattro Casinò non si sono propriamente espressi. Indubbiamente, la concorrenza con le “sale terrestri” esiste… ma bisogna vedere se in realtà è tale da essere “importante”, dato che il giocatore che frequenta le “sale normali” generalmente non è quello che frequenta i Casinò…

Oltre a questo si deve anche tenere presente che i casinò “tricolori” così come sono attualmente gestiti (palesemente sotto l’ala pesante della politica) difficilmente potranno usufruire di qualsivoglia opportunità di cambiamento del contesto che li circonda: sono “troppo gestiti” e circoscritti nella loro attività. Sicuramente la Delega Fiscale è una realtà che, in ogni caso, porterà cambiamenti e starà poi nei vari comparti del gioco trarne i frutti e sfruttare situazioni che si presenteranno cercando di cogliere il meglio di quello che nascerà. Cambierà, senz’altro, la competizione tra un comparto e l’altro, ma forse le norme relative ai casinò non cambieranno e questo varrà sia per quelli esistenti sia per quelli futuri che continuano a premere per avere, anzi per riavere, la loro casa da gioco: per fare un nome su tutti il Casinò di San Pellegrino Terme.